Intervista a Floriana Coppola

Sono nata donna
"Sono nata donna" di Floriana Coppola, Boopen LED

Eccoci quest’oggi con un’altra interessante chiacchierata. Oggi è la volta di Floriana Coppola, autrice Boopen LED. Autrice del testo poetica “Sono nata donna“.

Scrivere come un incessante movimento, un profondo esercizio di attenzione verso se stessi e l’altro, scrivere come un tentativo estremo, radicale, di registrare l’attesa, lontano dalle ombre, verso ogni possibile luce. La poesia di Floriana Coppola è un argine, una spinta interiore contro ogni soluzione comoda, è incitamento a guardare oltre, a non fermarsi mai al primo scoglio, a buttare il cuore oltre la siepe, eccitando l’ascolto e l’immaginazione. Dall’indignazione umana, civile e politica, approda, nella leggerezza del canto, alla ricerca di un significato, per cercare un’insperata riconciliazione.

la poesia è una valigia di sassi
nello stomaco
lo dico sempre a mia madre
non è vero che voli
cerchi solo di atterrare
in altri suoli

Continua a leggere “Intervista a Floriana Coppola”

La vera bellezza… ci sono anch’io

Qualche mese fa ho partecipato a un progetto di romanzo collettivo per conto di Boopen LED e in 15 autori siamo riusciti, tramite il nostro Book Coach Aldo Putignano, direttore editoriale di Boopen LED, a realizzare un buon risultato, almeno queste sono le parole del buon Aldo. In pratica siamo riusciti ad amalgamare molto bene i nostri differenti stili e siamo riusci a tirar fuori un’opera godibile, anche se è stata scritta a più mani.

Continua a leggere “La vera bellezza… ci sono anch’io”

Cronache da una sperimentazione letteraria… c’ero anch’io

Bookfactory: sabato 14 novembre 2009, ore 10.30 presso la libreria Archeologiattiva a Napoli, primo appuntamento. Quindici iscritti, un bookcoach, l’incognita di una giornata da spendere in maniera del tutto nuova.

La missione: stendere le premesse concettuali (ambientazione, trama, personaggi, insomma tutto!) di un romanzo partendo da un canovaccio generalissimo (ed assolutamente modificabile, oltre i limiti dello stravolgimento, rispondendo agli impulsi creativi dei partecipanti).

La prospettiva: scrivere il romanzo collettivamente, in un periodo di una settimana, con ciascuno degli scrittori a stendere parti della storia secondo la scaletta scadenzata insieme, rispondendo a dei “compiti” assegnati (interi capitoli, parti specifiche, ecc.).

Continua a leggere “Cronache da una sperimentazione letteraria… c’ero anch’io”