scrivere per uno specifico lettore

cosas, marcapáginas, libros, juguetes

(CC) Manuel. Nessuna modifica fatta all’immagine. Licenza CC 2.0.

Se vi è capitato di partecipare o di leggere delle lezioni di scrittura creativa, vi sarete resi conto che spesso si parla di un fantomatico lettore ideale. Ciascun scrittore pare avere in mente un lettore specifico per cui scrive.

Onestamente non saprei. Forse è una cosa che riconoscono gli altri, ma, per esempio, io che scrivo non penso: “Ah, ecco, oggi scrivo per questo tipo di lettore”. È probabile che lo faccia senza nemmeno rendermene conto?

Se prendo in mano un libro di Stephen King nemmeno riesco a immaginare lui per chi scriva. Scrive storie e le storie sono per tutti. Non so se King il suo lettore ideale ce lo abbia in mente. Una storia ben scritta secondo me è per tutti quelli che leggono bene (non è un’arte semplice) e che leggono molto.

Continua a leggere “scrivere per uno specifico lettore”

Annunci

lo scrittore in crisi: c’è chi fa domande

Autori: Richard Greenhill e Marie De Ryck, fonte: http://www.shadowrobot.com

Una volta accadde un fatto strano.

Molto strano.

Incredibile.

Una scrittrice amica mi disse di aver scritto uno romanzo in cui c’era la scena in cui una ragazza veniva stuprata da un branco.

Rimasi sconvolto.

Continua a leggere “lo scrittore in crisi: c’è chi fa domande”

l’artista emoziona?

Un vero artista vende emozioni?

Uno scrittore bravo emoziona. Lo scrittore vive di emozione creativa e porta i lettore a emozionarsi. E se questo non avviene è fallito il compito dello scrittore, ma a volte è il lettore che non si è sintonizzato sulle corde di chi dovrebbe emozionare. Magari sì, se il genere non è il suo, se la storia non la sente sua perché abituato ad altro. Leggere non è facile.

Continua a leggere “l’artista emoziona?”

C’erano una volta un lettore, un editore, un editor e un selfpublisher

Questo articolo vuole essere una riflessione su quello che è diventato il lettore nel 2013, da quello che si aspetta da un e-book e da quello che i grandi editori lo hanno fatto diventare.

La riflessione mi è venuta in diverse forme e nel tempo e ora la pongo nero su bianco qui. Voglio premettere che per lettore qui intendo una persona che legge testi su e-book.

Continua a leggere “C’erano una volta un lettore, un editore, un editor e un selfpublisher”