Deve accadere sugli store italiani

Ecco, ieri sera ho sistemato le ultime cose su Narcissus, mi arriva l’email che dice che in 24 ore la mia raccolta di racconti sarà in circa 60 store italiani e invece stamattina era già realtà. Meno di 12 ore.

Ora non avete più impedimenti. Potete trovare l’e-book in formato standard ePub su UltimaBooks, su BookRepublic, BOL e presto anche su Apple Store e su Lafeltrinelli.it . Tutte le info qui.

Continua a leggere “Deve accadere sugli store italiani”

Deve accadere… sta per arrivare

Stavolta non è uno scherzo. La mia raccolta di racconti è stata caricata sul bookstore. Ora si tratta di aspettare 7-10 giorni… Aspettare poi, io che sono così impaziente quando mi ci metto.

Ho deciso la cosa appena sono diventato editore. Ho definito il primo codice ISBN e a quel punto mi sono messo d’impegno a rifinire l’e-book. Ho aggiunto una premessa al testo e un regalino post racconti a chi acquisterà l’e-book. Non svelo i dettagli perché dovete portare pazienza come me.

Certo. Diciamo che è da una vita che sognavo di aggiungere prefazioni e postfazioni a dei testi. Quando ne trovo nei romanzi e nelle raccolte di Stephen King godo molto. In “Quattro dopo mezzanotte” Steve spiega da dove aveva preso le idee per quelle quattro novelle che compongono la raccolta… Io cosa ho scritto nella mia postfazione? Inutile non ve lo dico!

Continua a leggere “Deve accadere… sta per arrivare”

Deve accadere…

Deve accadere
Deve accadere…

… cosa?

È il titolo della mia raccolta di racconti. Perché questo titolo? Voglio volutamente lasciarlo nel mistero. Ancora oggi sono immerso in una buona revisione dei testi, alcune riscritture. La vita del selfpublisher non è banale come molti pensano… Perché? Beh, perché se qualcuno trova una virgola fuori posto si concentra poi su tutte le altre virgole e non entra nei testi. Nei racconti.

Continua a leggere “Deve accadere…”

“Il professore” di Bernardo Cicchetti

Immaginiamo di fare un gioco e di leggere un libro di cui si conosce solo il titolo e l’autore, ma non la casa editrice di pubblicazione. Si inizia a leggere il testo e piace. Ci si sente trascinare nelle pagine e pian piano si va sempre più avanti e poi lo si conclude e si pensa: “bello bello”.

A questo punto del “gioco” si scopre l’elemento finale. La casa editrice.

Continua a leggere ““Il professore” di Bernardo Cicchetti”