Un giorno, sempre

Immagine: © Artofphoto | Dreamstime.com
Artwork: © Giovanni Venturi | giovanniventuri.com

Anche questa è fatta.

Il quarto romanzo della serie “Le parole confondono” è giunto qui.

Il titolo è “Un giorno, sempre”. Continue reading “Un giorno, sempre”

Annunci

Amazon Audible: i libri audio e la mia esperienza

Image by Free-Photos available on Pixabay with a CC0 License

La nuova esperienza libresca di Amazon si chiama Audible. Si occupa di distribuire libri audio prodotti da altri o di realizzarne di propri con gli Audible Originals.

Ma a chi piace leggere gradirà sentir narrare una storia? La domanda non produce una risposta che va bene per tutti. Mentre si ascolta un libro ci si può distrarre più facilmente di quando lo si legge.

Inoltre il libro audio è da sconsigliare la sera prima di chiudere occhio perché può accadere che dopo un po’ ci si addormenti mentre il narratore può andare avanti da solo anche per tutta la notte, a meno che non si usi l’opzione dell’applicazione che si ferma dopo un certo tempo o a fine capitolo, ecc…

Continue reading “Amazon Audible: i libri audio e la mia esperienza”

NaNoWrimo 2018: 50’506 parole!

E anche quest’anno ho vinto il NaNoWriMo.

Ricordo per chi si chiedesse cos’è il NaNoWriMo che si tratta di una sfida che si svolge durante il mese di novembre di ogni anno. I partecipanti hanno 30 giorni di tempo per scrivere 50’000 parole che a tutti gli effetti sono la dimensione minima per definire un testo “romanzo”; lasciate perdere infatti ciò che l’editoria consegna come romanzo a volte anche per testi di appena 10’000 parole.

Continue reading “NaNoWrimo 2018: 50’506 parole!”

26 novembre 2018: la morte di internet #SaveYourInternet

A settembre scorso il parlamento europeo ha discusso l’articolo 13 per prevenire la violazione del copyright su internet impedendo la diffusione di video e materiale di ogni tipo, in teoria solo quello che viola il copyright, nella pratica anche quello che non lo viola, se si valuta l’effetto pratico della legge in questione.

Youtube sarebbe il primo soggetto colpito, a seguire, e contemporaneamente, Facebook, WordPress, Medium, ecc.. Dovrebbero rimuovere migliaia di video/contenuti e impedire il caricamento di video/contenuti/articoli di cui forse qualcuno potrebbe violare il copyright.

E tutto ciò a partire dal 26 novembre 2018. Da quella data potremmo non avere più libertà di espressione. Ovvero appena lunedì prossimo.

Continue reading “26 novembre 2018: la morte di internet #SaveYourInternet”

terza tappa blog tour “Un giorno, sempre”

Le parole confondono, Certe incertezze, I motivi segreti dell’amore fanno parte dei primi tre volumi della serie “Le parole confondono”

Nella terza tappa del blog tour dedicato alla serie “Le parole confondono”, in particolare a “Un giorno, sempre” si parlerà del punto di vista della storia.

Sono ospite oggi nel blog di Maria Teresa Steri.

Continue reading “terza tappa blog tour “Un giorno, sempre””

Le parole confondono e il NaNoWriMo: seconda settimana

Come dice Barbara Businaro nel suo articolo, la seconda settimana del NaNoWriMo è la più tosta.

Iniziare a scrivere qualcosa lo si fa facilmente. Senza idee precise si possono anche scrivere un po’ di pagine. Se si riesce a ritagliare un po’ di tempo si regge per sette giorni e si arriva a 7*1667 parole, ovvero 11’669 parole, forse nemmeno se non si hanno un minimo minimo di idee chiare e il tempo.

Metti che ti ammali, oppure che ti viene una settimana intensa di lavoro e la sera sei uno straccio che l’ultimo dei tuoi pensieri è metterti davanti al Mac al tuo computer Linux a scrivere. Sei stanco, non ti verranno nemmeno le idee. Al limite vuoi goderti di un paio di puntate di Suits su Netflix, o di The Good Wife, o di Hill House, oppure di tutte quelle serie straordinarie che poi ti fanno venire una voglia matta di scrivere.

Continue reading “Le parole confondono e il NaNoWriMo: seconda settimana”

Le parole confondono e il NaNoWriMo 2018

Nella tradizione che mi lega alla serie “Le parole confondono” solitamente, dopo aver pubblicato un volume, con la scrittura mi ritrovo a metà del volume successivo. È sempre successo. Ho sempre anticipato.

Quando ho pubblicato “Un giorno, sempre“, quarto capitolo dell’avventura, non avevo che scritto una paginetta del quinto volume. Però c’è già la copertina nella sua forma definitiva con tanto di titolo, visto che ho le idee chiare riguardo il tema, il modo di trattarlo e il protagonista dell’opera.

Mi sono detto: facciamo la pazzia, scriviamo tutto da zero col il NaNoWriMo, ovvero 50’000 parole in un mese: dall’1 al 30 novembre.

Continue reading “Le parole confondono e il NaNoWriMo 2018”