Un autore deve essere anonimo?

Da un po’ di tempo a questa parte mi sto interrogando su una cosa che un autore deve definire nel momento in cui decide di pubblicare il suo primo libro. Diciamo che oramai sono in ritardo di 5 anni.

Qual è la domanda che mi sto facendo? Eccola: “Perché non ho scritto con uno pseudonimo?”.

Continue reading “Un autore deve essere anonimo?”

Quando le librerie erano Librerie era tutto più bello

In genere quando un selfpublisher pubblica un ebook c’è sempre chi dice: “vorrei leggerti, non c’è la copia cartacea?”.

Ho fatto sempre una copia cartacea. Anche in previsione di una possibile presentazione in libreria, ma chi compra le copie cartacee dei selfpublisher? Credo quasi nessuno. Sono rarissimi casi.

Poi c’è anche un altro problema.

Continue reading “Quando le librerie erano Librerie era tutto più bello”

l’importanza delle recensioni nel selfpublishing

foto copertina: ©istockphoto.com/olaser
Era il 13 giugno 2013 quando ho pubblicato la cosa più importante che avessi mai scritto. Il primo romanzo della serie “Le parole confondono“. Sono passati quasi quattro anni da allora, eppure questi personaggi mi ronzano ancora in testa. Seguo le loro vicende che si sviluppano e si evolvono anche attraverso romanzi separati. Anche in “Sai correre forte” torna il personaggio di Andrea Marini.

Qualche giorno fa ero in una sorta di crisi profonda di scrittura. Mi sono detto: “Non pubblicherò mai più nulla”.

E non so se andrà a finire così. Nel frattempo sto editando il terzo volume. Facendo un po’ di promozione del nuovo romanzo, ma so bene come andrà.

Continue reading “l’importanza delle recensioni nel selfpublishing”

Sai correre forte: il romanzo è qui…

Immagine e artwork: (C) Giovanni Venturi

Ecco, ci siamo. In questo fine settimana c’è stato lo spostamento dell’ora in avanti e la pubblicazione del mio nuovo romanzo. “Sai correre forte“.

Ho dedicato il sabato inoltrato all’ultimazione di tutto. Sembrava diventato complicato.

Continue reading “Sai correre forte: il romanzo è qui…”

Ophir – codice vivente, di Rita Carla Francesca Monticelli

Leggere questo libro è stato come andare a una festa e incontrare di nuovo gli amici che non vedevi da un anno. I personaggi di questa space opera sono sempre piacevoli da ritrovare e la lettura è stata altrettanto piacevole durante lo scorrere di tutto il romanzo; l’unico problema è stato che quando il libro è finito è come quando a una festa sei stato bene e devi tornare a casa. Vorresti restarci ancora un poco a fare altre due chiacchiere con gli amici.

Continue reading “Ophir – codice vivente, di Rita Carla Francesca Monticelli”

diario scrittorio: mercoledì, 1 febbraio 2017

diario-scrittorio

So che con questa serie di articoli non attirerò lettori di blog, ma, in un certo senso, serve a me come sorta di diario parlante delle mie attività di scrittura e lettura.

Ieri ho finito la lettura di “Ophir – Codice vivente“, interessante testo del genere fantascienza. Il prossimo libro, lo inizierò in pausa pranzo, saranno i racconti del terzo volume della trilogia delle erbacce di Marco Freccero: La follia del mondo. Ora mi ci potrò dedicare per bene, anche perché la scrittura di Freccero è buona. Lo era con le sue tre precedenti raccolte di racconti e mi rifiuto di pensare che non sia altrettanto buona anche stavolta. Ho comprato il suo ebook su Amazon a scatola chiusa, perché, come ho detto, questo autore sa il fatto suo.

Continue reading “diario scrittorio: mercoledì, 1 febbraio 2017”