diario scrittorio: martedì, 16 maggio 2017

Qualcuno avrà notato che sono due settimane in cui non ho scritto nemmeno un articolo per il blog.

Ho avuto un po’ da fare. Sono stato in giro. Molto in giro, mentre disperavo di non poter scrivere, completare il romanzo iniziato circa sei anni fa e di non poter tornare a editare il terzo libro della serie “Le parole confondono“. Ma mi sono divertito tanto quindi non ho scritto, e sono stato benissimo.

Nel mentre ho avuto un’altra idea, diciamo che c’è sempre stata. Un modo per decantare l’amore che ho per una certa città. E, infatti, due giorni prima di ripartire sono andato in giro per vari negozi e ho comprato un quadernetto carino dove ho iniziato a scrivere, in mancanza di un PC, a mano i motivi per cui val sempre la pena di tornare in un certo luogo. Dovrei aggiungere un motivo al giorno, motivi brevi, ovviamente. E diventerà non un romanzo, ma un saggio da pubblicare un giorno.

Continua a leggere “diario scrittorio: martedì, 16 maggio 2017”

Un torneo di selfpublisher non self a colpi di clic

(C) Jamierodriguez37 at Morguefile

Arriva alla conclusione il concorso che menziona selfpublisher per avere una certa risonanza. Oramai i selfpublisher vengono scomodati per qualsiasi cosa visto che fa “notizia”.

Indetto da Mondadori e una fantomatica Kobo Editions. Chi sarà mai questa Kobo Editions? Non sapevo che Kobo fosse un editore. Kobo è un retailer, ovvero, un mero distributore.

Tra l’altro pubblicheranno solo su piattaforma Kobo che è nota essere quella dove si vende di meno assieme a Apple iBookStore e Google Play Libri. Hanno escluso la pubblicazione su Amazon. Ovviamente.

Continua a leggere “Un torneo di selfpublisher non self a colpi di clic”

Quando le librerie erano Librerie era tutto più bello

In genere quando un selfpublisher pubblica un ebook c’è sempre chi dice: “vorrei leggerti, non c’è la copia cartacea?”.

Ho fatto sempre una copia cartacea. Anche in previsione di una possibile presentazione in libreria, ma chi compra le copie cartacee dei selfpublisher? Credo quasi nessuno. Sono rarissimi casi.

Poi c’è anche un altro problema.

Continua a leggere “Quando le librerie erano Librerie era tutto più bello”

Il problema della Piattaforma

(CC) Tommaso Tani / Flickr licenza CC

Ho letto il libro di Michele Amitrani: “Confessione di un autore indipendente“.

E ho pensato: “Quando prendi e scrivi, quando prendi e pubblichi, quando prendi ed editi, quando prendi e non ti scoraggi… No, ti scoraggi, forse piangi, forse ti guardi allo specchio con la voglia di spaccare la tua stessa faccia”.

La Piattaforma è un serio problema. Viene prima di ogni cosa, prima ancora di ideare anche solo vagamente la trama di un libro che vorresti scrivere, prima ancora di scriverlo.

E, io, una Piattaforma non ce l’ho. Non ho nemmeno una piattaforma, con la P minuscola.

Continua a leggere “Il problema della Piattaforma”

Persi e insicuri: quante volte!

Quante volte ci siamo ritrovati persi e insicuri nella nostra vita?

Di recente? No, dico da sempre, ogni volta che è capitato. Il video di cui sopra è il video promo della quarta stagione di Lost, una serie televisiva in cui ogni personaggio doveva ritrovare se stesso sull’isola. Quell’isola che li ha chiamati a sé per un ben preciso motivo. Ritrovarsi. Capire da dove venivano e dove stavano andando. Per cambiare il loro destino personale.

Continua a leggere “Persi e insicuri: quante volte!”

Una mia intervista in podcast

Un po’ di tempo fa mi ha contattato Michele Amitrani, un selfpublisher che gestisce un proprio podcast, ovvero uno spazio in cui intervista o parla in voce di alcuni specifici argomenti.

Michele, naturalmente si occupa di selfpublishing sul suo sito CrediCrea.

Abbiamo fatto una bella chiacchierata sui miei progetti narrativi, su “Sai correre forte“, su cosa voglia dire selfpublishing e in cosa si differenzia dell’editoria tradizionale e da quella a pagamento.

Continua a leggere “Una mia intervista in podcast”

divisioni e individualità

Image by Wax115 / Morguefile

Da un po’ di tempo a questa parte non sopporto più nessuna forma di politica. Oramai sono saturo. L’Italia affonda. Bugia dopo bugia. Un quantitativo di frottole incalcolabile. Peggio dell’avanzare del debito pubblico.

Bugie che vengono coniate in espressioni giornalistiche e non. Una delle tante: “Un governo di responsabilità”. Quasi a voler dire che di solito i governi tutti sono fatti di irresponsabili e, quindi, a sgamare il fatto che nessuno fa una beata minchia per il popolo da sempre. Un governo di responsabilità, come se il non aver fatto votare i cittadini per ben 4 volte – mica pizza e fichi? – fosse una condizione di responsabilità. Come se un governo nominato tra amici e amicucci, che sempre governo è, potesse essere un palliativo per far passare il tempo e non fare nulla, ma solo spingere qualche altro ad assicurarsi una bella pensione d’oro se si supera settembre 2017, eppure fatto da gente che invece sostiene di fare scelte responsabili. Un po’ come quando la gente va al lavoro, cazzeggia, un po’ facebook, un po’ di articoli di giornale, qualche film e poi aspetti la fine del mese per lo stipendio. Uguale uguale.

Continua a leggere “divisioni e individualità”