Sai correre forte: il romanzo è qui…

Immagine e artwork: (C) Giovanni Venturi

Ecco, ci siamo. In questo fine settimana c’è stato lo spostamento dell’ora in avanti e la pubblicazione del mio nuovo romanzo. “Sai correre forte“.

Ho dedicato il sabato inoltrato all’ultimazione di tutto. Sembrava diventato complicato.

Continua a leggere “Sai correre forte: il romanzo è qui…”

Sai correre forte: il teaser

Finalmente posso mostrarvi il teaser di “Sai correre forte”. Il teaser sarebbe una sorta di pubblicità senza addentrarsi nella trama del romanzo, ma richiamando alcuni concetti della storia. Siamo davvero in dirittura d’arrivo, si parla di pochi giorni. E, nel frattempo, ecco a voi il video.

Continua a leggere “Sai correre forte: il teaser”

Sai correre forte: la sinossi

(C) Giovanni Venturi

Per me il processo di scrittura dell’intero romanzo è più semplice del processo di scrittura di una sinossi di tre paragrafi concentrati che illustrino i temi e che incuriosiscano il lettore.

Come autoeditore ho i miei fidati collaboratori a cui faccio leggere il testo prima di pubblicarlo, a cui mi affido per un parere e per idee sulla copertina e da cui mi faccio aiutare per sintetizzare il romanzo con una sinossi.

Continua a leggere “Sai correre forte: la sinossi”

una storia di narrativa a teatro… o quasi

(CC) Andrea Tosatto / Flickr - Licenza CC - nessuna modifica all'immagine
(CC) Andrea Tosatto / FlickrLicenza CC – nessuna modifica operata all’immagine originale

Il mio nuovo romanzo, Sai correre forte, arriverà davvero a breve. Un autoeditore organizzato programma le date nei minimi dettagli, lo so, ma abbiate pazienza con me. Provo a fare del mio meglio, ma ho dei limiti e, ogni nuovo romanzo è un salto nel vuoto.

Veniamo al teatro del titolo. Sto per pubblicare una commedia?

Continua a leggere “una storia di narrativa a teatro… o quasi”

Facciamolo a skuola: storie di quasi bimbi, di Maria Lombardo Pijola

Voto: 3 stelle su 5.

Il problema di questo libro è che non è un romanzo vero e proprio, ma non è nemmeno una indagine sul tema. O, meglio, è tutte e due le cose e non lo è. Ecco il perché delle tre stelle. Se fosse stata una indagine e avesse trattato il tema in un saggio forse sarebbe anche riuscito a tirarsi dietro quattro stelle.

Come romanzo racconta dei fatti sconcertanti, ma lo fa con una certa distanza. Si preferisce riferire la storia con una voce narrante in prima persona che non crea empatia. Una prima persona di una ragazzina di 13 anni che ha problemi grossi, ma, leggendo tutto il libro, non è nemmeno l’unica bambina di quell’età ad avere quel tipo di problematiche.

Continua a leggere “Facciamolo a skuola: storie di quasi bimbi, di Maria Lombardo Pijola”