“La grande rapina al treno” di Michael Crichton

“La grande rapina al treno” di Michael Crichton

Questo romanzo, perché di un romanzo si tratta, parla di una rapina a un treno. Si tratta di un romanzo storico ben scritto e coinvolgente e si riferisce a un fatto veramente accaduto.

Non so se l’autore si sia attenuto in maniera molto fedele ai fatti dell’epoca, parliamo di una Londra del 1855, ma a me è piaciuto il modo di raccontare le vicende. I fatti li ritengo verosimili, ma anche se fossero stati inventati dal primo all’ultimo, il modo di narrare la storia è così accattivante che poco importa. Non stiamo leggendo il resoconto reale del fatto, anche se viene presentato in questi termini, ma un romanzo. Un gran bel romanzo che vale la pena di leggere se ancora non lo avete fatto.

I personaggi sono rapinatori gentiluomini, infatti rubano allo Stato, tutto sommato, all’attento governo inglese. Ci sono diverse figure che entrano in gioco, sembrano piccoli flash, immagini cinematografiche che scorrono al rallentatore presentando nel loro insieme tutte le vicende che si svolsero mesi e mesi prima della rapina fino al giorno fatidico e poco oltre.

Non avevo mai letto Michael Crichton, ma ho già preso altri suoi libri che pian piano leggerò: “Jurassic Park” e “Andromeda”.

Dalla quarta di copertina:

«Londra, 1855. Dodicimila sterline in lingotti d’oro, destinate all’esercito britannico impegnato nella guerra di Crimea, vengono caricate sul sorvegliatissimo espresso Londra-Parigi. Quando però il treno giunge a destinazione, nonostante i sigilli siano ancora intatti, si scopre che le casseforti contengono soltanto pallini da caccia. L’incredibile storia del più audace colpo del secolo e del suo geniale ideatore, il ladro gentiluomo Edward Pierce».

Tra l’altro si trova in offerta a 2,99 euro su Google Play Store insieme ad altri suoi libri, ma immagino anche su altri store on-line. Fossi in voi non me lo lascerei scappare e inizierei subito la lettura.

Non amo i romanzi storici, ma questo coinvolge al punto che si inizia e si finisce che non ci si rende nemmeno conto. Ci sono quei dettagli particolari dei personaggi che ci si mettono d’impegno per non lasciarsi sfuggire nulla e compiere una rapina che resterà nella storia, ci sono i passi falsi, le prove, il contatto con tutti gli attori grazie ai quali si può compiere la grande rapina al treno.

Buona lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.