Black Mirror: Bandersnatch


Bandersnatch è un film interattivo prodotto da Netflix facente parte della serie antologica di fantascienza Black Mirror. Il film è uscito sulla piattaforma Netflix il 28 dicembre 2018.

In esso si respira l’atmosfera del mistero per quanto sia un thriller psicologico. Trama?

Nel 1984 un giovane programmatore cerca di realizzare un videogioco ispirandosi a un romanzo a bivi, ovvero una storia che prosegue tramite le scelte del lettore. Chi non ha mai giocato a Zak McKracken and the Alien Mindbenders oppure a Indiana Jones and the Last Crusade? Oppure a vari Monkey Island? Bellissime avventure grafiche interattive degli anni 80 e 90. Alcuni riproposti anche su Steam, lo store di giochi multipiattaforma (disponibile per Linux, Mac e Windows). O, ricordiamo, l’altrettanto bello Day Of The Tentacle. Giochi della LucarArt Games.

Ricorderete anche un mio articolo su romanzi a bivi di Fabrizio Venerandi pubblicati dalla casa editrice Quintadicopertina? In realtà l’autore li chiama librogame. Ricordate la mia intervista o la mia recensione a “Chia ha ucciso David Cranne”?

Il film è interattivo nel senso che ci sono momenti in cui noi spettatori siamo coinvolti. Dobbiamo scegliere cosa deve fare il protagonista tra due possibilità. Come accade? In basso compaiono le due scelte e, ovviamente, si punta il mouse sopra, oppure visionandolo dal tablet/iPad/iPhone si può operare in maniera ancora più semplice col dito 🙂 . Non so se per Amazon FireTV Stick c’è la possibilità usando il telecomando di interagire con questa cosa premendo sinistra o destra.

Fatto sta che ci sono diversi finali. Alcuni anche rapidi. Nel senso che una scelta sbagliata all’inizio porta all’immediata conclusine del film, un po’ come quando il personaggio di un gioco muore. E che succede a quel punto? Si riparte e automaticamente, arrivati alla scena, la scelta prosegue sulla seconda scelta che l’utente non ha fatto. In certi momenti ci sono interazioni davvero esilaranti, come il rivelare al protagonista che lui è un prodotto interattivo mandato in streaming su Netflix.

È un discorso interessante, vale la pena di vedere e “interagire” con la storia, inoltre, si può rivedere il film azzerando tutte le scelte prese, quindi si può ripetere fino a percorrere tutte le possibili interazioni.

Alcune praticamente seguono un percorso che arricchisce la scena: ovvero, davanti a una scelta se ne prende una e si viene portati in vari passi che poi tornano al punto precedente la scelta in cui poi non viene chiesto di nuovo di scegliere, ma si prosegue in modo autonomo come se l’utente avesse da subito deciso per l’altra possibilità.

In effetti questo film mi ha fatto venire voglia di rimettere in piedi il progetto di racconto a bivi in e-book che ho abbandonato tanti anni fa e che magari potrei scrivere. Chissà se qualcuno sarà mai interessato.

Non è che questo film interattivo mi abbia entusiasmato tantissimo, ma nemmeno direi che non mi è piaciuto. Sono quelle tipiche cose che o ami o odi. In effetti in rete si trovano opinioni molto discordanti, quindi vi consiglio di vederlo e provarlo personalmente.

2 risposte a "Black Mirror: Bandersnatch"

  1. A me è piaciuto e, ti dirò, credo che le recensioni più critiche (in particolare chi si aspettava una sorta di videogioco dove vinci o perdi) non abbiamo capito bene il tipo di prodotto. In realtà l’interattività fa solo da contenitore a una storia in cui si parla proprio dell’interattività stessa e della libertà di scelta. Il momento in cui ci si accorge di essere ‘slacciati’ dal punto di vista del personaggio e si diventa, noi stessi, attori della vicenda è davvero ben narrato.

    Non mi piace usare l’abusatissimo termine “geniale”, ma credo che Charlie Brooker abbia di nuovo dimostrato di essere molto bravo nell’adattare il media, nello stupire e nel fare riflettere con le sue storie inquietanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.