The Best Dream of Ever


Fdecomite / Flick
(c) Fdecomite / Flickr

Il miglior sogno di sempre… che però diventa realtà.

La sera arriva il tramonto. Sembra che bisogna quasi prepararsi a organizzare la cena, a sistemare delle cose, sei stanco e non riesci a scrivere, non sai se puoi leggere per mezz’ora o un’ora. Devi quasi rassegnarti a rimandare delle cose per il giorno dopo, stai lì per andare a dormire che verso mezzanotte succede…

Su twitter mi iniziano a seguire attori, produttori cinematografici hollywodiani, registi.

E poi un giorno ti arriva un’email.

E che email, cavolo!

Inizi a chiederti se sia vero o meno.

Non so come ma il mio romanzo è arrivato in mano a lui, uno dei produttori cinematografici più importanti del globo.

Dice che thriller e film d’azione stanno diventando un po’ noiosi e ripetitivi, difficili da dirigere e tenere lo spettatore incollato alla sedia. Oramai lo spettatore è diventato troppo scaltro, riesce a prevedere la trama e non si riesce più a stupirlo. Lo si è abituato a cose sempre più complesse e sofisticate. Effetti speciali, trovate originali, che poi non possono ripetersi senza annoiare.

Il mio romanzo è stato letto. Piace lo stile, piace l’intreccio, piacciono molto i personaggi. È stato uno dei tremila traduttori che si può permettere che gliel’ha letto.

(c)  Antonio Manfredonio  / Flickr
(c) Antonio Manfredonio
/ Flickr

Ci vuole fare un film probabilmente o magari vuole che scrivo qualcosa di mio pugno di nuovo, o magari, visto che gli ho parlato di questa storia come un progetto di tre romanzi, ne vuol vedere l’evoluzione, ma di sicuro qualcosa di mio porterà il suo nome.

Decideremo un cast come si deve, fatto di giovani attori, ma talentuosi. Si sa, gli americani cercano il talento, la bravura anche nei ragazzi. Non si trascura nulla. Una colonna sonora da oscar. Insomma, s’è aperto uno scenario che prima non c’era. E lo decideremo assieme. Se io non sono convinto su una sua scelta, su una scelta fatta dal suo team non ho che da dirlo.

Giovanni, la storia è la tua ed è giusto che sia tua l’ultima parola, così ha detto. Ovviamente in Americano.

È una storia vecchia in realtà. Il contatto è avvenuto due mesi fa. E mi ha detto non dirlo subito. Ho chiesto e ora si può dire. Terremo una conferenza stampa in Italia probabilmente a contratto firmato e a film anche iniziato a girare. Si sa che il Mare Nostrum gli piace molto. Ha bei progetti per gli indie e mi ha chiesto di suggerire qualcuno se avevo dei nomi.

Courtney / Flickr
(c) Courtney / Flickr

Mi ha chiesto se voglio una piccola parte nel film. Se voglio fare la voce narrante o qualcosa di simile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...