“Diciotto secondi prima dell’alba”, di Giorgio Scianna


“18 secondi prima dell’alba”, Giorgio Scianna

Anche in questo romanzo Scianna non delude i suoi affezionati lettori. È meno efficace e meno coinvolgente di “Qualcosa c’inventeremo” e de “La regola dei pesci”, forse è solo il tema trattato che è essenzialmente diverso, forse è che non si parla di adolescenti confusi, o che fanno cose che non dovrebbero.

Nonostante ciò, Edoardo è un personaggio a modo, un uomo che è ancora ragazzo, ha appena trent’anni e gli piove addosso un fatto che non si sarebbe mai aspettato. Sembra non reagire. Lui non ne è colpevole, però la cosa lo turba, tiene tutto dentro, prova a guardarsi da fuori e si sente ancora un ragazzino che non ha preso nelle proprie mani la vita. Fa l’avvocato nello studio di suo padre, i colleghi lo rispettano, lo aiutano, ma lui sta passando un periodo strano, inizia a farsi domande, a cercare risposte, se stesso.

Lo seguiamo passo passo, senza entrare nei suoi più profondi pensieri. Il ragazzo preferisce ascoltare molta musica, per non ricordare, per non pensare, per evadere, ma cosa desidera davvero? Forse, alla fine del suo viaggio interiore, lo capirà.

Un libro che consiglio di leggere perché è bello.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...