“Diciotto secondi prima dell’alba”, di Giorgio Scianna

“18 secondi prima dell’alba”, Giorgio Scianna

Anche in questo romanzo Scianna non delude i suoi affezionati lettori. È meno efficace e meno coinvolgente di “Qualcosa c’inventeremo” e de “La regola dei pesci”, forse è solo il tema trattato che è essenzialmente diverso, forse è che non si parla di adolescenti confusi, o che fanno cose che non dovrebbero.

Continua a leggere ““Diciotto secondi prima dell’alba”, di Giorgio Scianna”

Il buio oltre le stelle. L’esplorazione dei lati oscuri dell’universo, di Amedeo Balbi

Il testo incuriosisce molto, prova a dare una spiegazione scientifica a quello che è lì sulle nostre teste. L’universo. L’autore ha un linguaggio fluido e riesce a farci capire quanto sia difficile poter descrivere l’evoluzione dello spazio, a darci un’idea precisa di come si siano formati pianeti, stelle, galassie e tutti i corpi celesti che sono nello spazio e che a occhio nudo non si vedono. Sono gli stessi scienziati che devono ragionarci molto, creare teorie più o meno valide da verificare o da modificare seguendo un approccio scientifico rigoroso. Gli argomenti sono complessi, ma affascinanti, ed è proprio per la loro complessità che ogni tanto ci si perde, immagino che il libro vada riletto almeno un’altra volta e non perché l’autore non sia stato all’altezza, ma le nozioni sono tante e poterle spiegare in maniera elementare e comprensibile a chi di fisica e astronomia non ne capisce nulla non è semplice, anche perché, se un argomento è complicato di per sé per uno scienziato, allora è difficile renderlo alla portata di tutti. Non possiamo essere tutti scienziati, vi pare?
Continua a leggere “Il buio oltre le stelle. L’esplorazione dei lati oscuri dell’universo, di Amedeo Balbi”

I libri per l’estate, da chi li ha letti

(c) Riccardo Bonuccelli
(c) Riccardo Bonuccelli

Non ne pubblicizzerò 50 e non li tirerò fuori a caso da best seller (o bestseller che dir si voglia) o consultando alcune vecchie classifiche viste da qualche parte. Non parlerò solo di autori noti, non coinvolgerò solo case editrici e, soprattutto, parlerò di libri che io ho letto. Non parlerò nemmeno di libri pubblicati quest’anno. Nessuno mi paga per vedere recensito e pubblicizzato il proprio libro. Questo articolo nasce di mia spontanea iniziativa nei confronti della buona lettura.

Vi farò un elenco di libri che mi sono piaciuti e che vanno bene da leggere sempre e magari non specificamente sotto l’ombrellone, ma che vanno comunque tenuti presenti per le vostre prossime letture. Vi indicherò la mia recensione.

Continua a leggere “I libri per l’estate, da chi li ha letti”

Lungo, corto, leggibile, illeggibile… romanzi e dimensioni

(C) dhester at Morguefile
(C) dhester at Morguefile

È cosa nota che un libro di certe dimensioni spaventa sempre. Certe dimensioni… ma si parla di libri o di apparati genitali maschili?

A volte il richiamo al concetto di lunghezza spinge a fare certi pensieri, no? Ci si confonde… si pensa al numero di centimetri/pagine.

Ironia a parte, la confusione potrebbe venire fuori quando un libro non è un granché, eppure mi sono messo a studiare e ho visto che uno dei libri più letti del pianeta arriva quasi a 600 pagine. Più letto, ma anche più vomitato.

Continua a leggere “Lungo, corto, leggibile, illeggibile… romanzi e dimensioni”

Amazon giunge a Giuntialpunto

Libreria "Giunti Al Punto"
Libreria “Giunti Al Punto”

Per chi non ne fosse al corrente, le librerie Giunti Al Punto, dell’editore Giunti, fecero un accordo con Amazon. Si prevedeva che nelle 173 librerie “Giunti Al Punto” dislocate in tutta Italia si potessero comprare i vari modelli di Kindle, inoltre, sulle librerie on-line dell’editore si potevano raccogliere ulteriori punti per ulteriori vari sconti.

Sul sito Amazon.it e su GiuntiAlPunto.it l’accordo preciso.

Continua a leggere “Amazon giunge a Giuntialpunto”

Il dettaglio… chiamato marketing

(CC) by Andrea Ciambra. Immagine non modificata: licenza.
(CC) by Andrea Ciambra. Immagine non modificata: licenza.

Il dettaglio più banale e sconvolgente per un libro di narrativa si chiama marketing, anzi strategia di marketing. Ci sono corsi appositi per farti diventare un buon ambulante.

Sì, devi essere al pari di un venditore ambulante che passa per piazze, vicoli, stradine e spiagge e urla: “Cocco! Cocco bello, volete il cocco? Fresco e dissetante!”.

D’estate fa caldo e il cocco fresco è piacevole, oltre che buono e salutare.

Continua a leggere “Il dettaglio… chiamato marketing”

non leggere fa bene alla salute

"Cien anos de soledad"

(CC) Rosy: nessuna modifica dell’immagine: licenza

Articolo ispirato a quello di Marco Freccero sul perché non si legge.

Perché mai uno dovrebbe leggere se oggi ci sono così tante fiction italiane che vogliono insegnarti qualcosa e che vogliono farti la morale, intrattenerti? Una mia zia diceva che guardava una certa fiction in TV perché così ogni sera stava lì a piangere. Ecco, vedi. Perché devi leggere se puoi piangere ed emozionarti davanti a un capolavoro italiano?

Continua a leggere “non leggere fa bene alla salute”