diario scrittorio: lunedì, 2 luglio 2018

Qualche giorno fa ho concluso le prime sessioni di editing completo del IV romanzo della serie “Le parole confondono“, così sono tornato a vecchi amori. Ho ripreso a editare il romanzone, quello sulla politica, sull’editoria, sul torbido quotidiano, un tantino immorale, in cui vedremo cattivi, ma anche personaggi buoni, sia chiaro. Se non ve ne fossero, l’umanità sarebbe estinta da un pezzo.

Qualcuno subirà le conseguenze delle azioni dei perfidi personaggi del libro. Rileggevo il primo capitolo e ridevo. Sembra davvero un inizio inquietante, paradossale, carico di aspettativa, un po’ come è accaduto per “Joe è tra noi” e “Sai correre forte“.

Continue reading “diario scrittorio: lunedì, 2 luglio 2018”

Annunci

la giusta ambientazione di una storia

Photo available on Pixabay with license CC0.

Ho visitato spesso certi luoghi, di alcuni mi sono così innamorato che ci sono tornato spesso.

L’ambientazione di un romanzo a volte è importante. Accade, invece, che spesso sia una delle cose che più si trascura. Ci si concentra solo sulla trama e si pensa: “Tanto il lettore si farà una sua idea del luogo”.

Può andar bene in un senso o nell’altro, però, ignorando l’ambientazione, una storia è ambientata da nessuna parte e ovunque e, quindi, il testo non si caratterizza in tal senso. In questo caso credo non servirebbe nemmeno dire i personaggi dove vivono o camminano: Napoli, Milano, Roma, Praga, Parigi, Londra, oppure lungomare o strada interna, o piazza. È uguale. Certo, resta sempre una scelta personale.

Continue reading “la giusta ambientazione di una storia”

non ho tempo!

Image released with a CC0 License by Jordan Benton, image available on Pexels.com

Non ho tempo! oggi è la frase che troneggia. Non si ha mai tempo di fare niente. Soprattutto pare che il tempo da dedicare a se stessi rasenti il nulla. Il tempo lo si perde in 3547 cose inutili.

In questo articolo non insegnerò a nessuno come gestire il proprio tempo, come dare priorità a cose più importanti e darne di meno a cose meno importanti. Io nemmeno vi conosco, non so cosa è fondamentale nella vostra vita e cosa non lo è, o lo è di meno, oppure quali sono le vostre aspirazioni, cosa vorreste fare da grandi.

Questa brutta frase: «Non ho tempo!», a volte l’ho sentita dire o l’ho letta su Facebook, detta da scrittori. Non ho tempo di stare dietro a un romanzo, vado di fretta, lo pubblico.

Continue reading “non ho tempo!”

editing e piccole case editrici

Photo by Pexels

Da una settimana a questa parte sto editando un romanzo non mio. Si tratta di un testo pubblicato qualche anno fa da una piccola casa editrice.

In questi anni ho comprato libri dove si parla del metodo dell’autoediting, ho avuto una buona maestra come Rita Carla Francesca Monticelli che mi ha insegnato parecchio all’epoca della sua più che utile beta lettura del mio “Joe è tra noi“.

Continue reading “editing e piccole case editrici”

diario scrittorio: mercoledì, 18 marzo 2018

Finalmente sono riuscito a concludere il quarto volume della serie “Le parole confondono“, almeno la prima bozza. Mi basta e avanza. Non ho alcuna intenzione di mettermici a correggerlo rileggendolo almeno cinque volte, andando a caccia di refusi, parole da eliminare e far comparire sinonimi al loro posto per evitare ripetizioni, sentire il suono delle frasi, la cacofonia e altre tremila cose. Anche se l’ho già riletto e corretto varie volte prima di finirlo, ho trovato e rimosso una incoerenza che era lì da alcune versioni e che è sparita. Pace all’anima sua.

Però non ho ancora cambiato idea. L’ho concluso, sì, bene. Non ho detto che voglio/sento la necessità impellente di pubblicarlo. Forse perché l’anno scorso ho pubblicato ben due romanzi e mi sento ancora stanco?

Continue reading “diario scrittorio: mercoledì, 18 marzo 2018”

scrivere di tematiche difficili in un romanzo

(CC) Lauren Coleman from Flickr with Creative Commons license. No modification made to the picture.

Scrivere di tematiche difficili in un romanzo è molto più che difficile, è quasi impossibile se si vuol fare un buon lavoro. Chiunque può accennare tematiche difficili: alcolismo, stupro, droga, violenza, omosessualità, ecc… Le può accennare uscendosene con gli stereotipi più stereotipi del mondo.

Cosa si va ad aggiungere a quanto già detto da altri con un romanzo quando si accenna appena all’argomento, ma non si scende nel profondo? Nulla, direi. La tematica va approfondita. Ci sono persone che “trattano un tema” e lo fanno malissimo, lo accennano, e magari pubblicano con un grande editore e solo per aver trattato con tanta sufficienza un tema, oppure per aver confuso un tema con il concetto di fiction/narrativa stesso sentono di aver fatto una gran cosa.

Continue reading “scrivere di tematiche difficili in un romanzo”

di quante parole si compone una storia?

Counselling on Pixabay, licenza CC0

Me lo sono spesso chiesto e spesso non ho saputo rispondermi. Ho capito solo che non bisogna forzarsi a scrivere poco, a tagliare intere scene e a eliminare personaggi solo perché non si ha la forza e il coraggio di mettersi in gioco. Scrittori che propongono un racconto di cinquanta pagine chiamandolo romanzo dove la storia, quella vera, resta tutta sotto la superficie.

Certo, nemmeno inondare un testo con parole e parole è una cosa molto sensata. Diciamo che qualche volta qualche scena un po’ più lunga, qualche sottotrama, potrebbe essere tagliata.

Continue reading “di quante parole si compone una storia?”